SPERMIODONAZIONE

Rilasciare nella cavitàinseminazione donazione spermatozoi italia roma spagna londra genitale della donna il seme di un uomo esterno alla coppia infertile (donatore di liquido seminale) è tecnica praticata da oltre un secolo. Il primo report scientifico, però, venne pubblicato nel 1945. Negli ultimi anni la pratica dell’inserimento di uno spermatozoo all’internodella zona pellucida mediante laser (Photoablation of oocyte zona pellicula by Erbium-YAG laser for in vitro fertilization in severe male interfility Feichtinger W., Strohmer H., Fuhrberg P., Radivojevic K. and Antinori S., Pepe G., Versaci C. – LANCET 1992;339:811) e poi all’interno del citoplasma dell’ovocita (ICSI) ha favorito un certo abbandono dell’inseminazione eterologa per il trattamento dell’infertilità maschile.

Oggi la donazione di spermatozoi (spermiodonazione) è praticata nel caso di richiesta specifica da parte di donna single e, principalmente, nei casi di azoospermia (ostruttiva o non ostruttiva) nei casi di  malattie trasmissibili al nuovo nato o nei casi di donna Rh negativa sensibilizzata con partner Rh positivo. Per evitare la diffusione di malattie infettive, il liquido seminale del donatore viene messo in quarantena per almeno sei mesi prima di essere usato.

Ovviamente, il donatore viene selezionato in base ai risultati dei test e degli screening ai quali viene sottoposto con particolare attenzione allo sviluppo intellettivo,  ai disturbi psichici rilevabili, alle malattie geneticamente trasmissibili, alle malattie virali e alle malattie sessualmente trasmissibili. I parametri del liquido seminale devono essere nel range di normalità.

Annunci